Il piccolo - 1 marzo 1913 - Gli uffici della Camera e il progetto di legge

Articoli in Evidenza

I vetri della manifattura Chini per le Terme Berzieri

I vetri della manifattura Chini per le Terme BerzieriGiornata di studio dedicato a Rossana Bossaglia, insuperata studiosa del Liberty, del Déco e del Novecento in Italia. L'incontro dal titolo “I vetri della manifattura Chini per le Terme Berzieri” avrà luogo venerdì 10 aprile, alle ore 16.00 nel Salone delle Terme Berzieri.

Corso dei fiori

Salsomaggiore Terme - Corso dei fioriSiamo un gruppo di amici salsesi, affezionati alla nostra città e accomunati dalla passione per la collezione di immagini d'epoca. Stiamo lavorando ad un progetto di ricostruzione fotografica delle undici edizioni del Corso dei Fiori che si sono svolte a Salso dal primo dopoguerra fino alla fine degli anni cinquanta. Nella ricerca del materiale necessario, al fine di giungere ad una rappresentazione che sia la più fedele possibile, abbiamo pensato di rivolgerci anche a tutti gli amici del sito VecchiaSalso. Chi disponesse di materiale fotografico, filmati e documenti relativi al Corso dei Fiori e volesse collaborare con noi a questa iniziativa può contattarci  compilando l'apposito modulo alla sezione contatti o al seguente indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Intanto, per cominciare, un primo "assaggio" di alcune splendide immagini a colori raffiguranti dei bellissimi carri, adorni di fiori variopinti, animati da bambini e giovani dell'epoca.

13 aprile 2014, centenario della chiesa di S. Antonio

Inaugurata la  mostra per il centenario della posa della prima pietra della chiesa di S. Antonio. Ricorrendo quest'anno il centenario della posa della prima pietra della chiesa di S. Antonio, domenica 13 aprile, sul sagrato della chiesa, è stata inaugurata una interessante mostra fotografica che racconta, attraverso numerose foto d'epoca, la storia della chiesa e del rione di S. Antonio. La mostra, per chi fosse interessato, sarà ripresentata anche le prossime domeniche e giorni festivi.

 

p1070646
p1070650
p1070653

Cenni storici

Nel 1914 Padre Giulio da Podenzano, dei Frati Cappuccini della Provincia di Parma, chiese ed ottenne il permesso di poter erigere in Salsomaggiore un convento e una chiesa in onore di Sant'Antonio da Padova. La costruzione fu iniziata nel 1914 su disegno dell'ing. Giulio Bussandri, che prestò gratuitamente la sua opera, e completata nel 1922. Fu eretta a parrocchia il 1° aprile 1914 e consacrata il 10 giugno 1915. Esternamente la struttura si presenta nella sua linea romanico-moderna, mentre all'interno è formata da un'unica navata con quattro cappelle laterali. Nella chiesa si possono ammirare alcuni dipinti ad olio su tela di artisti ignoti del XVIII secolo e pregevoli arredi sacri. Notevoli l'artistico pronao della facciata, lo snello campanile, le decorazioni interne opera del salsese Pietro Maetri e gli originale affreschi in stile quattrocentesco, sei lunette e otto medaglioni raffiguranti santi, del pittore bergamasco Severino Bellotti.

 

ALCUNE DATE IMPORTANTI

  • 1914: il 2 aprile posa della prima pietra della chiesa di Sant’Antonio, alla presenza di Mons. Leonida Mapelli, Vescovo di Borgo San Donnino, e di Mons. Angelo Fiorini, dell’Ordine dei Cappuccini, Vescovo di Pontremoli.
  • 1915: il 10 giugno Mons. Angelo Fiorini consacra la nuova chiesa, in stile romanico con un’unica navata (m.10 x 20) fiancheggiata da quattro cappelle, su disegno dell’Ing. Giulio Bussandri che prestò gratuitamente la sua opera.
  • 1919: il 2 dicembre erezione, da parte della Curia Episcopale di Borgo San Donnino, della nuova Parrocchia di Sant’Antonio
  • 1920-1921: costruzione dell’artistico pronao, nella facciata della chiesa
  • 1922: costruzione del campanile
  • 1922-1923: costruzione del salone-teatrino, con piano sovrastante per abitazione dei Frati Cappuccini
  • 1925: inaugurazione delle nuove campane e dell’orologio a quattro quadranti
  • 1931: posa delle balaustre in marmo nelle quattro Cappelle laterali;
  • 1931: al pittore bergamasco Severino Bellotti sono affidati i sei affreschi relativi alla vita di Sant’Antonio; le volte e le pareti, invece, sono decorate dal pittore salsese Pietro Maestri
  • 1934: posa in sacrestia del grandioso armadio ligneo, intarsiato, ad opera di G. Del Boca e Corbani
  • 1938-1939: nuovo portone della chiesa; decorazione delle Cappelle laterali; costruzione dell’altare in marmo del Sacro Cuore e completamento di quello dell’Immacolata; altare di San Giuseppe
  • 1939: la chiesa di Sant’Antonio ospita il VI Congresso Eucaristico Diocesano
  • 1950: allestimento del campo da calcio
  • 1952: inaugurata la Casa di Riposo “Sacra Famiglia”, avviata nel 1946
  • 1958: inaugurazione del nuovo Teatro parrocchiale e del Circolo ACLI
  • 1959: inaugurazione della Domus “Regina Pacis” per la ricreazione dei bimbi dell’Asilo e delle ragazze dell’Oratorio Femminile
  • 2001: posa del nuovo Fonte Battesimale, in marmo rosso di Verona, in memoria di Pina e Francesco Urgeletti e di Gina Tibiletti
  • 2003-2004: rifacimento del tetto della chiesa
  • 2005: posa delle due finestre artistiche a vetri, nel presbiterio; sostituzione del rosone e delle finestre nella facciata della chiesa, in memoria di M. Gotti
  • 2005: rifacimento del sagrato della chiesa
  • 2006-2007: restauro degli affreschi delle pareti interne, della volta e delle Cappelle
  • 2008-2014: graduale restauro dei dipinti ad olio su tela, esposti in chiesa
  • 2011: nuovo impianto di riscaldamento della chiesa
  • 2013: lavori di consolidamento della casa parrocchiale, attigua alla chiesa, e rifacimento del tetto
  • 2014: restauro della cuspide del campanile

Chi siamo

Chi siamoIl sito Cara Vecchia Salso nasce dall’iniziativa di un gruppo di amici salsesi affezionati alla propria città e accomunati dalla passione per la collezione di immagini e cartoline d'epoca. Più le immagini sono vecchie, più il tempo vi ha lasciato la propria impronta, più una cartolina ha viaggiato, passando di mano in mano, tanto più trasmette intense passioni. La passione per il collezionismo legato ai ricordi di una Salsomaggiore che fu, nasce principalmente dalla nostalgia, dalla curiosità e dalle sensazioni che una determinata immagine o un particolare oggetto può trasmetterci. Soprattutto cartoline, ma anche immagini di avvenimenti e di persone che hanno vissuto e amato Salso. Il sito, dove si potranno trovare foto, cartoline, curiosità, notizie storiche, ecc.., vuole essere un luogo di incontro e scambio di informazioni e di immagini inerenti la storia della nostra città. Una piazza virtuale nella quale sia possibile incontrarsi per approfondire insieme argomenti che possono interessare non solo i collezionisti, ma anche i salsesi stessi e i numerosi amici di Salsomaggiore che da tanti anni visitano e soggiornano nella nostra città. Un luogo nel quale tutti sono invitati ad entrare e a partecipare attivamente, inviando o scambiando fotografie e cartoline, riconoscendo persone ritratte in particolari immagini o semplicemente ricordando e commentando fatti o scene di vita salsese, vissuta in prima persona o semplicemente tramandata.