I vetri della manifattura Chini per le Terme Berzieri

I vetri della manifattura Chini per le Terme BerzieriGiornata di studio dedicato a Rossana Bossaglia, insuperata studiosa del Liberty, del Déco e del Novecento in Italia. L'incontro dal titolo “I vetri della manifattura Chini per le Terme Berzieri” avrà luogo venerdì 10 aprile, alle ore 16.00 nel Salone delle Terme Berzieri.

Intervengono:

Massimo Garibaldi – Presidente Terme di Salsomaggiore
Filippo Fritelli - Sindaco
Maria Cristina Timanti - Consigliere Delegato allo sviluppo delle attività culturali

Relatori:
Valerio Terraroli - Università di Verona
“Il tema della vetrata ornamentale tra Liberty e Déco con un ricordo di Rossana Bossaglia”

Silvia Ciappi - Università di Firenze
“Galileo Chini e le vetrate: un percorso artistico da tutelare”

Cristina Fornacelli - Università di Siena
“La riscoperta del vetro: uno studio archeometrico della produzione Chini”

Modera la salsese Maurizia Bonatti Bacchini coordinatrice scientifica dell’incontro

Saranno presenti:
Paola Polidori Chini,  curatrice Archivio “Galileo Chini” Lido di Camaiore

Vieri Chini, Archivio della Manufattura Chini di Borgo San Lorenzo

Alle ore 18.00: visita guidata alle esposizioni di ceramiche e vetri delle Terme Berzieri.

 


Galileo Chini: un artista eclettico

Galileo Chini: un artista ecletticoLa figura di Galileo Chini (1873 – 1956) è praticamente unica nel panorama dell’arte italiana fra il XIX e il XX secolo.

Personalità poliedrica e precoce, si cimenta in maniera eccelsa in ogni aspetto dell’arte. Grandissimo decoratore, ceramista sublime (fonda la manifattura “L’Arte della Ceramica” e successivamente “Le Fornaci San Lorenzo”, introducendo l’Art Nouveau nella tradizione italiana), illustratore, scenografo (sue le scene della prima Turandot di Puccini), urbanista, pittore dalla forte personalità che spazia dal Simbolismo al Divisionismo, fino a una fase finale più cupa ed espressionista.

Artista di levatura europea, partecipa a tutte le principali esposizioni Internazionali (Londra, Bruxelles, Gand, San Pietroburgo tra le altre) e in Italia alle Biennali veneziane e alle Quadriennali romane. Decora importanti edifici pubblici e privati, e nel 1911 parte per il Siam, chiamato dal Re Rama V per decorare l’interno del nuovo palazzo del Trono di Bangkok, dove realizza la sua più straordinaria opera decorativa. Al ritorno in Italia continua un’attività creativa incessante.

Crede fermamente nell’unione delle arti e dell’artigianato e nel loro ruolo fondamentale nella riqualificazione del territorio.

E’ membro della Commissione istituita per il ripristino degli edifici della Passeggiata di Viareggio e realizza l’intero apparato decorativo delle Terme Berzieri a Salsomaggiore. Insegna all’Accademia di Firenze, dove sono suoi allievi Ottone Rosai, Primo Conti e Marino Marini. Negli ultimi anni di vita si concentra su un’intima e lirica pittura da cavalletto, fino alle opere denuncia sulle devastazioni della Seconda Guerra Mondiale  e alle ultime cupe rappresentazioni della  morte.

Fonte: www.galileochini.it

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna