L’Albergo Grande, ora Albergo Verdi,  inaugurato nel 1842 da Maria Luigia, permetteva alla nobiltà ed alla ricca borghesia di accedere alle cure in un ambiente “adeguato”. Iniziarono ad arrivare a Tabiano alcune celebrità, come Giuseppe Verdi, che preferiva Tabiano a Salso perché più appartata, Urbano Rattazzi, politico italiano più volte ministro e primo Presidente della Camera dopo l’Unità d’Italia, e Giovanni Verga, che da qui seguiva l’evolversi della sua causa con l’editore Sonzogno e Mascagni per i diritti dell’Opera Cavalleria Rusticana.
Verdi era spesso accompagnato, oltre che dalla seconda moglie Giuseppina Strepponi, anche dal famoso tenore Tamagno, dai soprani Adelina Patti e Teresa Stolz, dai librettisti Boito e Illica, Fu proprio durante uno di questi soggiorni che Verdi scoprì le straordinarie qualità canore di una ragazza tabianese che cantava nell'oratorio dell'Albergo Grande, Brigida Barborini, che poi divenne una famosa cantante lirica col nome di Dina Barberini.
Successivamente venne aperto al pubblico, ed infine trasformato in benefica istituzione per permettere le cure di Tabiano agli ammalati poveri o di modeste condizioni. Il Comune di Salsomaggiore ne acquistò la proprietà, assieme a quella delle Terme, nel 1934!

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna